Scoperte archeologiche

Storici antichi affermano che nel territorio di Soncino esisteva una città fondata dai Galli Cenomani chiamata Aquaria, successivamente distrutta dagli Elzevi e Reti. Queste notizie sembrano trovare conferma dai ritrovamenti ripetutisi nei secoli e dalle recenti scoperte archeologiche più documentate. Il luogo dove sorgeva l'antica città gallica potrebbe essere individuato nelle vicinanze del santuario campestre della Madonna di Villavetere, ad Ovest di Gallignano, dove, nel 1796, venne scoperta un'Ara di Giove. Le ricerche di superficie eseguite negli ultimi anni e la raccolta museale di numerosi reperti testimoniano l'esistenza di una fiorente attività sia nel periodo preromano che romano, confermata dalla individuazione di una antica viabilità presso la Cascina Giubilea e presso Bosco Vecchio. Sempre in zona Bosco Vecchio sono state rinvenute le strutture di una villa romana di notevoli dimensioni ed un complesso di fornaci. Presso la Cascina San Germignano è venuto alla luce un vasto insediamento con pavimentazioni di strade, tombe e fondazioni di pilastri e di murature. Questi potrebbero essere i resti dell'antica Aquaria gallica distrutta dagli invasori Elvezi e Reti.

Tracce della seconda città distrutta - L'ubicazione della nuova città romana fatta erigere dai Consoli Romani dopo la distruzione di Aquaria potrebbe essere individuata nel territorio ora occupato dal centro abitato di Gallignano. Nel 1978, ad est del cimitero nei campi dell'Anguanà, alcuni contadini si imbatterono in un pozzo di epoca tardo romana o medioevale. Nella zona circostante sono stati trovati numerosi reperti. Poco più a sud, in località Mulino San Pietro, sono venute alla luce pavimentazioni selciate; poco distante, in località San Pietrino, alcune tombe a cappuccina e, in località Cascina Serafina, un antico pozzo.

Riteniamo quindi che le individuazioni nel territorio di Gallignano e la ricchezza di materiale archeologico affiorante debbano essere di stimolo per studi approfonditi da parte degli studiosi e delle università con il coinvolgimento diretto della Soprintendenza.

Lo slideshow ripropone alcune delle molteplici scoperte effettuate dai volontari del Gruppo

  • 1796.- ARA DI GIOVE - Villavetere
  • 1892.- RIPOSTIGLIO METALLI - Cascina Grandoffie
  • 1960.- TOMBA CELTICA - Fontane Sante
  • 1978 - POZZO - Zona Anguana'
  • 1979 - POZZO - Cava Bosco Vecchio
  • 1980 - VILLA ROMANA - Cava Bosco Vecchio
  • 1984 - TOMBA A CAPPUCCINA - Cimitero Soncino
  • 1985 - CUNICOLI SOTTERRANEI - Mura Sud di Soncino
  • 1985 - POZZO E MURI - Cortile Casa Nobilini
  • 1985 - STRADA SELCIATA - Presso Cascina Giubilea
  • 1987 - CUNICOLO - Cortile Nord Ospedale
  • 1993 - VANI SOTTERRANEI - Bastione San Giuseppe
  • 1994 - RESTI VILLA E FOSSATO - Località Garbelli - Isengo
  • -1994 - VILLA ROMANA - Pozzo Metano
  • 1996 - VILLAGGIO E ABSIDE ROMANA - San Germignano
  • 1997 - CUNICOLO - Via S. Pio V
  • 1997 - MURATURA IN CIOTTOLI - Via S. Caterina
  • 1997 - SELCIATI E MURATURE - Palazzo Della Volta
  • 2002 - CUNICOLO FUORI LE MURA - Mura Nord Soncino
  • 2003 - MURI E PAVIMENTO - Campetto S.Pietro - Gallignano
  • 2003 - POZZO - Cascina Serafina
  • -2003 - MURATURA IN CIOTTOLI - Fosso Anguanà